dell’umano nascosto


christian-hetzel

Io non ho visto gli omeri

di Dio

né la mia discontinua sbadataggine

che nasconde la notte

e il temporale

quando s’appresta tuona

che mi sembra una voce

una voce mi sembra

una fornace

un’alba senza sosta

ma non ho visto

questo umano nascosto

dove mi adeguo e stento

stento capisci

– mi nascondo –

perché stento

e quella mia discontinua sbadataggine

mi fa perdere di vista

l’occasionale sperso

dove dicono abiti

qualcosa di continuo

forse pulviscoli

– dicono-

d’amore

o qualcosa che dovrebbe somigliare

– prova a dirmelo tu –

che non ci bado

e continuo a nascondere il nascosto

dell’umano.

Annunci

I Commenti sono disabilitati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: