Ah, Simonetta!

catharina

E’ difficile restare in disparte
dopo anni di insidia e gratitudine
per l’offerta del mondo
e la scomparsa.
Ed è dunque difficile rinunciare
e comunque inevitabile
vestire la penombra
dove a volte ti incontro e ci incontriamo
nell’orbita lunare dei ricordi
suddivisi in aureole di santi
e malfattori vuoti di pensieri.
Tuttavia questa notte e questa stanza
inducono a una sola riflessione
ed il passato è un fiume che non torna
mentre io
formalmente
non lo saprei evitare
nella mia malcelata divisione
tra il presente e l’eterno
se non altro per dirti come adesso:
ah, Simonetta!

(ispirata alla storia senza luogo di Sanrdo Botticelli e Simonetta Vespucci)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: