Mi ha assalito un’acre nostalgia di Yehuda Amichai trad. di Ariel Rathaus

Bellissima! Straordinari gli ultimi versi.

Mi ha assalito un’acre nostalgia,
come la gente d’una vecchia foto che vorrebbe
tornare con chi la guarda, nella buona luce della lampada.

In questa casa, penso a come l’amore
in amicizia muta nella chimica
della nostra vita, e all’amicizia che ci rasserena
vicini alla morte.
E quanto è simile ai fili sparsi la nostra vita
che piú non sperano di tessersi in altro ordito.

Giungono dal deserto voci impenetrabili.
Polvere che profetizza polvere. Passa un aereo e ci chiude
sotto la lampo di un grosso sacco di destino.

E il ricordo di un viso amato di ragazza
trascorre per la valle, come quest’autobus notturno: molti
finestrini illuminati, molto viso di lei.

 

164641373-2f4ed352-3277-4e50-97eb-e7c4a7ba4acc

Annunci

I Commenti sono disabilitati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: