vele fenicie all’alba

renoir 6

Gadir mi ricordava un’incisione

che ci lega alla terra

in un confine labile

– sottile il firmamento sopra il mare –

e la linea di costa.

Vento indugiava come l’orizzonte

che per quanto ti accosti

non si avvicina mai

ma la notte un sollievo senza fondo

mentre aspettavo

un’altra fornitura di sfortuna

e una goccia di miele.

Trascorrere

se mi esistesse il tempo

ma questa confusione mi assottiglia

e spesso vedo

forme d’inesistenza

che considero tali nel reale

ma il mio medico stenta

e non avrò cioccolata a colazione

ma datteri di sera

almeno finché posso sorseggiare

ore a casaccio

e vago

senza troppo rimpianto

gli incerti del mestiere

se almeno fossi un mago.

Domani mi dirai di raccontare

ma come faccio, amore, se non t’amo

a parlarti di me, del mio dissenso

per quello che non vedo tra le stelle.

Aspetto

vele fenicie all’alba

nella speranza almeno di dormire.

Annunci

I Commenti sono disabilitati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: