Una notte stellata

(Magritte)

Se mi scrivesse una rondine muta, potrei dirti che a volte mi nasce come un senso di amarezza: il trascorso è perduto e l’oltre un nulla. Ma non è questo il punto.

Il punto è un luogo di concentrazione, sotto diversi aspetti: l’immenso sembra minimo.

Tutto si chiude e il tratto si assottiglia: un radunarsi asciutto dove il presente è antico, completamente privo di spessore come un rifugio artico, dove raduno un poco non prezioso nel vuoto privo d’altro.

Mia cara, ti scrivo il mio digiuno. Essere è un vuoto intenso e la scia che trascino è un peso falso, un fastidio incorporeo, un risultato senza cognizione dove la terra si rovescia e il tempo si distanzia dal nesso: io coltivo distanze.

Tuttavia ti indirizzo le parole ed i suggerimenti della notte, quando la mia coscienza ascolta il suono di una campana lieve che mi trascina nell’inascoltato. Se Dio respira è un attimo che trema. Qualche volta un silenzio, se ascoltasse.

Ma per fortuna il tempo non consegna le lettere e l’incompiuto mi permette di scriverti. Questo conserva intatto il tuo pallore, il mio rivolgimento, lo sguardo troppo grande di una notte stellata.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: