Archivi tag: angeli

Viaggio senza Berlino

 
Richiami (sempre la solita storia) – mi hai chiamato? –
No, volevo sapere d’altro.
C’era stata la guerra,
pochi anni – dicevo – divergenti.
Sai, come oggi, solo i morti erano diversi
ma non ho visto la tomba di un angelo.


il miglio verde

 

Mi ricordo di te
quando c’è vento
e la sera
ti reclinava il capo
e il mio sul tuo.
Angeli non ne ho visti.


Estratto

01gabrielpacheco
gabriel pacheco

Divagare uno

Mica c’era la luna.
Artistiche alla meglio, nuvole vagavano imprecise. Ed incostanti forme.
Tuttavia imbronciate: compiuto il giro del mondo, non resta che ricominciare.
Dunque da capo. E allora indifferente, Dublino rivestiva sgualciture e le salsicce, cuocile come vuoi, non cambiano sapore.
Guardare in alto…: cose come bisacce; a volte ombrelli. Diversamente: pioggia. E quelle imperturbabili a volare.
Come si fa a scordare?

Due (?)

Praticamente attese. Alla stazione non puoi fare altro. Magari prendi un caffè o un panino ma, se parti, aspetti di arrivare. Poi attendi in altro luogo fino al prossimo treno. Sembra quasi un fermaglio: lo apri lo chiudi, ma sempre intorno al collo.
Intanto: fischi improvvisi. Estenuanti a volte, ma tutti destinati a declinare.

Tra angeli

Angelo trascurato,
dal tuo rifugio di tenebre, cerca di considerare questa mia tra le cose cadute da dimenticare.
Comunque, quando la notte, prova a afferrare il vento: magari ci scriviamo.

Tratto da Antologia Fermenti N. 10 “Il quasi nulla, il praticamente tutto” Fermenti Editrice, Roma, 2015


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: