Archivi tag: distanza

celan – lontananze

con lo sguardo nello sguardo, nel freddo
lasciaci fare questo ancora:
respirando
tessere insieme il velo
che ci nasconde l’uno all’altra,
quando la sera s’appresta a stimare
quanto ancora è lontana,
da ogni figura che essa si dà,
ogni figura che a noi essa presta.

(Crocetti, 2013)


stelle da est

 

Fossi riuscito ancora a proseguire
sarei stato a Trieste
dove l’Europa trova la sua fine
e il vento
trasportando la neve fino al mare
disperde la coscienza nelle forme
di una lingua perduta nel contrario
e la sera si muove cautamente
stelle da est non hanno direzione
se non conosco il tempo
immobile a Ravenna
rinchiuso in una pietra e mille altre
che stento a riconoscere la mia
che non è niente se non parte di parte
e osservo
quando la sera esco sulla costa
un immenso lontano.


Iosif

Ti ho letto talmente tanto
che quasi potrei dire di conoscerti
anche se il tempo ci ha divisi
e la nascita
avvenuta a migliaia di chilometri di distanza
come se quando sei venuto in Italia
io fossi andato in Russia
e tu ti fossi sperso nella luce che basta per il resto della tenebra
e io nel Baltico
dove le isole si tengono per mano
e la deriva.
Tu non sapevi neppure che scrivevo
o almeno tentavo di farlo
e per questo il nostro rapporto è ancora più sbilanciato
ma sono contento che tu non mi abbia letto:
mi avresti chiuso dopo poche righe e avresti fatto bene.
Dunque non ci siamo neppure sfiorati
anche se ti ho tenuto tra le mani e spesso in mente
ma cosa vuoi farci, Iosif,
noi siamo nati figli di distanza
e l’unica cosa che ci tiene insieme è stare soli
quando dalle tue parti
gli uomini non hanno ombra, come l’acqua
e dalle mie
le stelle tornano tutte le sere
e ancora aspettano che qualcuno se ne accorga.


una solita notte

 

Sai la notte, lunga interminabile sommersa
quasi si tocca il nulla, quasi il fondo
di questa casa immersa
ed il suo aspetto dove sta il rimosso
e ti senti cadere mentre stai
forse nel tempo, forse nel sospetto
di qualche sfumatura
e allora sai
mi domandavo dove
siano finiti
e mi tenevo in mano la domanda
rigirandola come un’altra terra
dove non c’è una sponda e non dicevo
che fa paura il buio
ai bambini
ai vecchi
ed ai dispersi.


scorci di un ottobre romano

Lyonel_Feininger_Greifenberg_Stadtmauer[1]

Quindi abbassavi le ciglia
(le palpebre seguivano quasi per moto proprio)
e io che incanalavo il tuo respiro
ne seguivo il passaggio
da una giornata all’altra
mentre le braccia restavano divise
quasi incapaci di scandire il tempo
con movimenti poco ragionati.
Questo mi sembrava appropriato.
Forse scorci
di un ottobre romano
consentivano al senso di apparire
a tratti luce tipo spazio-tempo
(sarebbe a dire terribilmente incerto).
Ti lavavo le mani.
M
i seguivi
con una certa rassegnazione nello sguardo
(i piedi non ne erano capaci
camminavano e basta)
mentre trattengo quando si fa sera:
un momento incedibile.


tra milioni di tempo

16640592_1302669749812890_127736897366907993_n

Mentre la notte lava le sue sere
io frugavo la terra
tra milioni di tempo
e nulla mi restava tra le mani.
Quindi l’alba.
Ed eravamo tutti frastornati.

(immagine di jamie heiden)


depositi

18725_520574647961520_1772792856_n

Ed infinite
passano formazioni
mentre chiedo
se il cielo possa fare da altipiano
dove poter passare qualche sera
mentre ti scrivo lettere
con le solite storie fuori luogo
perché non sono un luogo
e ho male alle caviglie e alle parole
depositate al largo

mentre spremo limoni e pianto piaghe
e ti dicevo certe situazioni
se ricordi
quando il ponte si rompe e l’altra riva
raddoppia questa nostra vastità.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: