Archivi tag: fondo

decima proposizione d’infinito

l07-paul-klee-masken

 

luce che vaga verso un fondo rosso
la mia finestra azzurra e traversante
a raggi argento senza dimensione
se non candele a strisce d’alto fusto
fasci
trapassano
spazianti
da destra e da sinistra
l’alto e il basso
e indietro avanti ancora riversare
come fosse di mare
questo pensiero che fa compagnia
la sera
un gesto a indefinire.


L’ambiguità del “Tu”: tu sei come una terra: Cesare Pavese

nella poesia di Pavese (come in “verrà la morte e avrà i tuoi occhi”), la donna ha un doppio volto, celeste e ctonio, irrinunciabile e “mortale”, fonte, principio e fine nell’espressione di una ambiguità simile alla vita.

 

 

 

 

tu sei come una terra

che nessuno ha mai detto.

Tu non attendi nulla

se non la parola

che sgorgherà dal fondo

come un frutto tra i rami.

C’è un vento che ti giunge.

Cose secche e ritorte

t’ingombrano e vanno nel vento.

Membra e parole antiche.

Tu tremi nell’estate.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: