Archivi tag: morte

pianta di cera

 

 

Oggi è venuta a vivere con me
una forma di vita
proveniente dal sud dell’equatore
spostato verso est
fine del mondo.
Dicono che si sciolga con il sole
e viva di stanchezza
ma i suoi fiori si vedono la notte
quando il deserto è solo
e non può fare altro che guardarsi.
Dicono si ricordi di morire
mentre vivono gli altri
e viva senza morte in una vita
che nessuno conosce
se non il vento quando spezza il mondo
in due metà senza circonferenza
che non mi vedo se non so fiorire
quando penso l’assenza
e tutto resta stretto in un arbusto
vivo dentro la morte
mentre circonda il mondo.


Pavese: sei la terra e la morte

jamie 4

Sei la terra e la morte.
La tua stagione è il buio
e il silenzio. Non vive
cosa che più di te
sia remota dall’alba.

Quando sembri destarti
sei soltanto dolore,
l’hai negli occhi e nel sangue
ma tu non senti. Vivi
come vive una pietra,
come la terra dura.
E ti vestono sogni
movimenti singulti
che tu ignori. Il dolore
come l’acqua di un lago
trepida e ti circonda.
Sono cerchi nell’acqua.
Tu li lasci svanire.
Sei la terra e la morte.

(C. Pavese, 3 dicembre 1945)


dal tramonto ad oriente

donna

E

E quando è tempo sali

le mani che ti porgo

la garza

la ferita

questa terra

dal tramonto ad oriente

e i poli

l’equatore

il sogno basso

che qui chiamano storia

perché le mani

_ quelle potevi tirarle a te _

il volto ancora no

mentre la notte spande

le tue generazioni e i miei sospetti

lungo un amore o Dio.

(immagine di jamie heiden)


case d’aria

de pisis 3

Abito case sopra questa terra

di fango, di mattoni, di lussuria

abito vento

abito occasioni

che il tempo mi concede e poi cancella

abito case d’aria e sembra terra

abito terra

quando sono morto

e quando dormo

dormo

e ignoro dove.


Alexanderplatz

Berlin, Ruinen und zerstörte Autos

Ora, secondo me,

le cose non sono mai come appaiono;

anche se mi trovo a Berlino

non credo sia vero.

Né credo di affacciarmi

da una finestra di Alexanderplatz

e di non vederti in tutta quell’assenza

dato che ti vedo

assente.

E il panico in cui viaggi

che non esiste ma c’è

di cui sento la puzza di petrolio,

la nafta,

lo sfrigolio che lacera le strade

le urla

così come ti vedo non vedente

sgretolare i palazzi

farli nulla

e la gente che cerca le macerie

per vedere di recuperare qualche cosa

tra i resti delle proprie anime

ma non trova altro che te

e per quanto ti frughi

non riesce a rintracciare altro.

Poi

quando la notte stende

ti sento per le scale

sapendo perfettamente che non c’è nulla.

Questo mi fa rabbrividire anche di più.

 

foto tratta da Bundesarchive_Bild


seconda teoria delle catastrofi

degaswomen77

Un corpo ti fa nascere in un corpo

e riproduce solo un altro corpo.

Corpo ti induce a amare e corpo svetta

nella parzialità dei tuoi pensieri,

nel corpo il tuo presente e corpo scegli

seducente di donna

mentre ti ho amato anima e il tuo corpo

l’ho visto scivolare nella sera

e senza corpo, oggi,

m’orizzonto di stelle e di mancanza

dove ti aspetto

nel tentativo di un amore ancora.


le mani libere

strada

Io mi trovavo nel tuo labirinto

lontanissimo credo

dalla risoluzione di un problema

che avevamo inventato per errore

uno di quei fasulli accorgimenti

che ti sembra di avere

le mani libere

mentre mi lego al tuo legame stretto

e il mio che non ho sciolto

quando qualcuno mi ha serrato al mondo

dove si dice vivano

i legami

che soltanto la morte.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: