Archivi tag: nudità

volo d’angolo

 

 

(foto ed elaborazione di luciana riommi)

(immagine di luciana riommi)

 

 

Oscuriamoci nella ripetizione

del volo di una mosca

anima blu suadente senza fili

pittorica

la tua scomposizione

d’elementi asimmetrici cangianti

cui nessuno riporta

il tuo sommerso andare

maschera d’infinito

ti dipingevo l’altra sera nuda

e la tela sapeva di colore

finimenti arrangiati

del mio avido aspetto

riflesso in blu viandante nel tuo mare

scusami se ti scrivo sulla pelle

come un suono sfiorato

e ti chiudo di sera

sera ti chiudo: sera

angolo blu peluche senza frontiera

nel bicchiere che cade

e sbatti alle pareti

frantumare

spazi al tuo volo d’angolo

d’indefinito ascetico

sfumare..


Festival blu

Monet ninfee

(C. Monet, Ninfee)

Vento mulina intorno. Macinare.

A proposito: non ammetto interferenze di sorta.

Intanto: notte bullona passi

(significa piedi incollati al suolo e lungo muro)

mentre si afferma:

sembro quello che sembro dunque sono.

Soprattutto quando le pozze riflettono frammenti:

chi c’è sotto i piedi nell’acqua?

E notte aspra scarica fusioni

di fulminante amena nudità.

Pertanto: collezionare ombrelli.

Anche balle volanti

generalmente d’ordine svariato

(dell’identità ho già detto: conta poco).

Beghe anche = fosca vita .

Dunque, come cantare serenate alle capinere

quando l’ora declina?

E tracannare astri

per piacere di niente e vacuità.

Notte diffonde viola e vento allevia

preponderante stolta assiduità.

Tensione astrale del corpo verso l’alto:

scegliere mete dove non c’è troppo

(cadere cadere cadere…)

Risollevarsi ora

verso spazi lontani

dove sistemi tessono preghiere

nel flusso piombo fuso del presente

ed il passato che torna per svanire.

Del futuro non parlo: non esiste.

Restare a galla, allora.

Idea idrogena

come anatra libera da stagno.

Peccato la gamba rotta

e l’ala gravemente frantumata.

Cielo scosso stasera.


per l’anima

per l’anima
che non trova un ospizio


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: