Archivi tag: perdizione

La Grande Noia

kline-sketch
kline

non provare a ingannare
questa mia faccia sorda al tavolino
o chiudermi
dentro le tue stazioni
in una notte senza lineamenti
tanto il binario è unico e i cartelli
si scrivono a caratteri d’addio – senza scrivere niente –
nel mio silenzio buco
e i grattacieli
vanno a farsi predire
un futuro diverso in altri siti
ma mi diverto
a scavare la cassa a un violoncello
che tu non sai suonare – io neppure –
tanto non rideremo
e le vicende tragiche
passano vento a vento sera a sera
in uno schermo di televisione
che non occorre spegnere se guardo coi tuoi occhi
– i miei li ho già portati al Monte Santo
dove ti danno soldi di pietà.
Poi magari mangiamo.


a Roma

 
 
angolo

    (foto ed elaborazione di luciana riommi)
     
     

    Tratto da “Ara Coeli” in Desiderare altrimenti
    (Fermenti Editrice 2011)

    Chi sei tu: questa città. Ordine e caos, assennata e selvaggia, crudele e colma di pietà. Le tue contraddizioni mi stordiscono. Hai dispensato vita e dato morte, tracannato l’Olimpo e il Paradiso, donato cognizione e sparso sangue. Ignoro se hai speranza di perdono.
    Hai dato asilo a quelli che hai scacciato, crocifisso, dannato. Ne hai indossato le vesti, senza spogliarti prima delle tue.
    Nel manto dei tuoi secoli: gli dei che veneravi e oggi ignori. Sopravvivono in ogni filo d’erba nascosto tra le forme delle pietre, rilanciando messaggi inauditi che smentiscono quello che dagli altari detti. Non ti sei rinnegata a sufficienza; in ogni tuo sorriso colgo un ghigno.
    Propaghi senso e spesso il suo contrario. Sei storia, evoluzione, conoscenza; subito dopo sconosciuta assenza. Come se l’abisso avesse forma.
    Ignoro se cammino i tuoi percorsi: ogni passo è smentito. Sei sospensione, silenzio; evanescenza ogni tua conferma. Senza affermare, senza sconfessare: un’incertezza.
    Come un assurdo intenso. Che permette di vivere.

     
     


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: