Archivi tag: silenzio

io non ti dico niente (revisited)

2a

Io non ti dico niente
tu continua
a spingere la strada verso est
e i richiami
le rondini
le pianure dell’Asia sul tuo seno
i laghi tra le cosce
quando la notte è umida e i passaggi
si indovinano ad eco
io non dico
di avvilupparti ai miei diversi intenti
e fermare la morte
se solo si vestisse da fanciulla
ed offrisse un amplesso
che nessuno potrebbe ricordare
né della vita fare questa stanza
che cade qualche forma con il giorno
e a volte
mi viene un sonno senza somiglianza
che mi copre la notte.

Annunci

ascolto

de pisis 10

siamo venuti dove si riposa

sperando tu non debba mai appassire

un amore da dire

il tuo silenzio

e ascolto.

 

(Tratta da “Il posto delle piaghe lucenti”)

 


lungo un giorno ed un altro

seurat 5

 


una frase per strada

jamie 4

(immagine di jamie heiden)

 

Dunque perché?

Sapessi dirlo

ma la stasi non usa le parole

e il sordomuto taglia solo il vento

da un telefono all’altro

senza trovare mai

una frase per strada.


al silenzio

the-pilgrims-at-emmaus

Netto di luce il fondo

la tua voce

l’ascolto stenta

notte

la mia croce.


controvento

degas 1

Ho voglia di sentire il tuo silenzio

tra queste strade vuote

ed i palazzi

annullati da un sole controvento

fino a quando si placa

e ascolto

un mormorio lontano

come se mi parlassi di un paese

dove le donne

portavano le brocche sulla testa

quando divento fiume

e aspetto.


una sera al caffè

de pisis 2

Annotta
come sapessi scrivere
ma il caffè ancora non me lo portano.
Poi sospirava un albero
il che non ha alcun senso
tranne vento
e di questa stagione
le rondini sono un’opzione variabile
come una fantasia volata altrove.
Quanto a me
mi figuravo una poltrona
per provare a riflettere
ma non ho mai fumato la pipa
e ultimamente i libri
hanno un sapore d’argentato
che ti si attacca al collo
come capita ai vecchi.
Quanto a deflorazioni
al massimo un pensiero per la luna.
Una volta c’era il sapone a scaglie
che ti aiutava a simulare una pelle
simile ai pesci
il che ti permetteva di sgusciare.
Oggi con tutti questi spray
al massimo somigli a un muro
o a un vagone della metro
ma il primo rimane fermo
e il secondo ha un percorso obbligato
e non mi va di tornare da queste parti.
E’ chiaro che ti sei annoiata.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: